“Mille Boccioli di Primavera” di John Ball, condensato – Recensione

[Titolo originale: Miss One Thousand Spring Blossoms]

Il mio giudizio in breve:

Una vicenda romantica ma non sdolcinata, in cui si mescolano le più antiche tradizioni giapponesi, la differenza profonda fra le diverse culture, i ritmi forsennati a cui spinge la concorrenza lavorativa, la scoperta che l’amore può nascere là dove era più improbabile che trovasse spazio.

Mille Boccioli di Primavera - illustrazione d'apertura dell'edizione condensata
Mille Boccioli di Primavera – illustrazione d’apertura dell’edizione condensata

John Ball, l’autore, è conosciuto soprattutto per le avventure poliziesche dell’ispettore Tibbs e un risultato della popolarità di questi libri è stato quello di mettere in ombra le altre sue opere, fra cui il meraviglioso “Miss One Thousand Spring Blossoms”, pubblicato nel volume speciale Estate 1970 dei Grandi Successi Condensati di Selezione del Libro con il titolo “Mille Boccioli di Primavera”. A quanto ne so questo romanzo non è mai stato tradotto in italiano (purtroppo!) ma se conoscete sufficientemente bene l’inglese potete leggerlo in lingua originale (su Amazon ad esempio è in vendita in formato elettronico).

Il romanzo – ambientato agli inizi degli anni ’60, ovvero quando l’autore lo scrisse – narra la nascita ed il difficile rafforzarsi della sorprendente storia d’amore fra un’affascinante geisha ed un uomo apparentemente ordinario. Il protagonista Richard, un irreprensibile bostoniano allevato con molto rigore dalla madre vedova, lavora come progettista in una ditta di elettronica del New England e viene inviato in Giappone per seguire la realizzazione di alcuni prototipi. A Tokyo l’uomo si scontra subito con modi di fare e pensare radicalmente diversi da quelli a lui abituali, al punto da non rendersi nemmeno conto che la seducente geisha ingaggiata per intrattenerlo durante una cena gli sorride amabilmente solo per dovere. Ignaro che ogni gesto è calcolato, ogni sguardo studiato con pazienza, e soprattutto che ogni secondo che la signorina Mille Boccioli di Primavera trascorre in sua compagnia viene pagato, il timido e goffo americano si innamora subito di quella amabile sconosciuta. 

Nonostante la componente romantica abbia un ruolo decisivo nella trama, il libro offre anche un’eccellente descrizione della cultura giapponese e un realistico spaccato di quanto profonde fossero le differenze fra Oriente ed Occidente, ancor di più 50 anni fa, quando non c’erano internet e i personal computer e persino viaggiare era meno comune. La prima esperienza di Richard in un bagno pubblico giapponese, per esempio, sintetizza con grande maestria il suo sentirsi confuso e a disagio, solo all’estero, lontano da tutto ciò che è familiare.

Comunque col progredire della narrazione si nota che tutti i personaggi (assai ben costruiti) crescono ed imparano dagli altri, rendendosi conto di quanto fossero sbagliati gli iniziali pregiudizi che avevano nei confronti di quanto era “diverso”. Sia Richard sia i giapponesi con cui viene in contatto sperimentano quanto possedere una mente aperta finisca per rivelarsi un bene davvero prezioso ed il protagonista alla fine del libro mostrerà di aver imparato ad apprezzare se stesso e a godersi le differenze di vita fra il Giappone e Boston.

Miss One Thousand Spring Blossoms - copertina dell'ebook in lingua originale
Miss One Thousand Spring Blossoms – copertina dell’ebook in lingua originale

La relazione fra Richard e la signorina Mille Boccioli di Primavera è trattata da Ball con grande sensibilità e in toni molto realistici. Proseguendo nella lettura si percepiscono non solo i dubbi e la delusione di lui, ma anche i timori e le esitazioni di lei nello scoprire che sta andando contro una tradizione antica quanto il ruolo stesso delle geishe: non innamorarsi mai. Assistiamo ad un’evoluzione naturale dei due protagonisti, un cambiamento reciproco dove ognuno finisce per influenzare positivamente l’altro. Richard ha la possibilità di uscire dalla sua esistenza ordinata ma solitaria e per la prima volta nella sua vita si lascia andare al rischio di nuove esperienze, amore compreso. Ed anche se questa liberazione è opera di Masayo, non si può fare a meno di notare che anche la donna grazie al sentimento che prova per l’americano riesce a scrollarsi di dosso tante delle imposizioni che la condizionavano.

I personaggi secondari hanno tutti un ruolo sottile ma decisivo nella struttura della trama, ognuno portando un contributo che non appare né forzato né frutto di coincidenze poco credibili. Al contrario interagiscono con grande naturalezza con Richard (più presente della sua controparte femminile come peso nella narrazione), dando spessore sia alla sua vita personale che lavorativa, di fatto spesso intrecciate. La presenza di questi comprimari inoltre e l’approfondimento dato ai loro caratteri permette anche di percepire, con varie sfumature e in contesti differenti, quanto l’autore ritenga importante una mentalità aperta ed il costante rispetto delle altre culture.

Per quanto la storia sia prevedibile (non ho mai dubitato che si chiudesse con un lieto fine) e sicuramente datata, rimane una delicatissima favola moderna che grazie anche allo stile vivace e spiritoso riesce ad essere molto di più di un banale romanzo d’amore. Questo è uno dei miei libri preferiti di sempre, che rileggo quando sono un po’ triste o quando in libreria non ho trovato nulla che mi attirasse davvero. Credo che chiunque con una segreta vena di romanticismo lo apprezzerà, personalmente non posso che raccomandarlo caldamente!

Voto:gifVotoPiccola gifVotoPiccolagifVotoPiccolagifVotoPiccolagifVotoPiccolagifVotoPiccola

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...