“La vita di Gesù” di Silvia D’Achille e Tony Wolf – Presentazione

Chi mi legge lo avrà ormai capito, nella scelta di libri per i miei figli io mi oriento molto spesso sulla casa editrice Dami ed in particolare sui lavori illustrati da Tony Wolf (pseudonimo di Antonio Lupatelli, illustratore italiano classe 1930 che vanta una lunghissima collaborazione non solo con la Dami ma anche con la Fabbri e negli anni ’70 con il Corriere dei Piccoli). Questo volume non fa eccezione e rappresenta, con il suo analogo “La Bibbia” di Anna Casalis e Tony Wolf e “La Bibbia dei piccoli” interamente curato da Tony Wolf, uno dei testi con cui la casa editrice si è avvicinata alle tematiche religiose.

Copertina del volume "La vita di Gesù"
Copertina del volume “La vita di Gesù”, prima edizione

Il formato di questa edizione è importante, degno di ben figurare in una libreria domestica: copertina rigida leggermente imbottita, con particolari dorati nel disegno e sugli angoli (come a riprodurre un volume antico), dimensioni quasi quadrate pari a circa 26×24 cm. Le pagine sono 64 ed ogni coppia di facciate è dedicate ad un diverso episodio della vita di Gesù: la nascita, l’infanzia, i miracoli, le parabole e gli insegnamenti dati ai discepoli, fino all’ultima cena, alla morte in croce ed alla risurrezione.

Naturalmente è impossibile ritrovare tutti i numerosi episodi riportati nei Vangeli, l’autrice ne ha fatta una selezione e da questo punto di vista potrebbe mancare proprio l’episodio che si voleva illustrare ai bambini, ma nel complesso non posso dire che questo sia un problema grave. Per lo meno noi non lo abbiamo vissuto come tale perché abbiamo considerato il libro soprattutto come uno strumento per avvicinare i bambini alla religione, ed in particolare alla vita di Gesù, in maniera leggera e semplice.

Dal punto di vista dello stile, i racconti compongono una storia ben strutturata che delinea bene (anche se per sommi capi) la figura cardine su cui si fonda il cattolicesimo. La scrittura è generalmente chiara e scorrevole, adatta per piccoli ascoltatori di circa 5 anni (prima alcune parti del testo possono risultare troppo difficili). Sono presenti qualche parola arcaica o poco nota e alcuni concetto non di immediata comprensione per i bambini, ma la presenza di un adulto risolve l’inconveniente e può anzi trasformarlo nello spunto per introdurre qualche nozione nuova o ampliare il vocabolario dei propri figli.

Esempio di pagine interne
Esempio di pagine interne

La pecca maggiore dei racconti è a mio avviso la loro brevità. Poiché ogni capitolo è limitato a due sole facciate, di cui la porzione più ampia è occupata dalle illustrazioni, la componente scritta è davvero molto riassunta e in questo modo perde parte del suo sapore. Ovviamente questo aspetto è legato alla natura stessa del libro (costituire un compendio infantile sulla vita di Cristo) e va di pari passo con quanto espresso più sopra riguardo alla selezione di un episodio piuttosto che un altro: essendo destinato all’infanzia il volume riassume, sia come contenuti che come stile, quello che i Vangeli raccontano molto più dettagliatamente.

Il volume analogo dedicato alla Bibbia
Il volume analogo dedicato alla Bibbia

Mentre le storie appaiono dunque brevi e concise (quasi che il libro sia stato pensato per integrare la lettura serale delle fiabe che precedono la nanna), al contrario le illustrazioni sono curate, ricche di dettagli, sempre pertinenti al racconto. Come sempre per i lavori di Tony Wolf, la grafica risulta coinvolgente e i disegni così particolareggiati permettono di commentare ulteriormente la storia narrata, dando ai bambini qualche motivo di riflessione in più.

La mia esperienza: ho letto questo libro a entrambi i miei figli quando la loro età era di poco inferiore ai 5 anni e posso dire che tutti e due hanno trovato piacevoli le illustrazioni, interessanti gli episodi narrati (alcuni più di altri) ma nel complesso il volume è piaciuto più a me che a loro. Credo che ciò sia dovuto al fatto che alcuni racconti risultano davvero sintetici: a volte i bambini hanno colto la storia tanto breve come spunto per fare delle domande, ma in altre occasioni si sono limitati ad ascoltare senza venir coinvolti più di tanto.

Età per cui lo suggerisco: lettura ad alta voce dai 5 anni – lettura autonoma dai 7 anni02-reading-a-book

Valutazione: acquisto consigliato

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...