“La sorprendente signora Pollifax” di Dorothy Gilman, condensato – Recensione

[Titolo originale: The Unexpected Mrs. Pollifax]

Il mio giudizio in breve:

Uno spumeggiante, delizioso inizio per una saga quasi sconosciuta in Italia ma che da decenni raccoglie grandi consensi negli Stati Uniti: la storia di un’improbabile spia che con spirito indomito riserva innumerevoli sorprese a chiunque la circondi (e agli sbalorditi lettori).

The Unexpected Mrs Pollifax - edizione americana del 1966
The Unexpected Mrs Pollifax – edizione americana del 1966

La sorprendente signora Pollifax“, pubblicato nel volume numero 68 dei Grandi Successi Condensati di Selezione del Libro del 1972, è la versione ridotta di “Unexpected Mrs. Pollifax“, primo capitolo di una fortunata serie di libri di spionaggio che si può acquistare attualmente in lingua originale sia in formato cartaceo che elettronico.

Il romanzo – pubblicato per la prima volta in America nel 1966 – è ambientato in piena Guerra Fredda, e da questo punto di vista gli scenari geo-politici sono decisamente cambiati, ma nonostante questo aspetto conserva una gran freschezza e persino attualità. La protagonista è Emily Pollifax, una vedova del New Jersey che divide il proprio tempo fra il volontariato e le riunioni del club di giardinaggio. La donna però sente di non fare tutto ciò che potrebbe della propria vita e questa consapevolezza la porta ad un passo dal suicidio. Essendo fortemente patriottica, decide di volersi mettere al servizion del proprio Paese. Così salta su un treno per Washington e si presenta al quartier generale della CIA offrendosi come spia, incarico che effettivamente otterrà a causa di alcuni malintesi e curiose coincidenze.

La signora Pollifax ha tutte le caratteristiche che saremmo portati ad attribuire ad una nonna: ironica, empatica, allevata in modo un po’ superato ma desiderosa di rimanere al passo coi tempi, un po’ eccentrica (soprattutto nel suo gusto per i cappellini). Questa vedova annoiata e disillusa però non combatte la monotonia dedicandosi ai cruciverba o sottoscrivendo un abbonamento al cinema sotto casa, lei – decisa a diventare una spia e trascorrere i suoi ultimi anni salvando la patria dal pericolo – diventa la spia più improbabile ma deliziosa che si possa immaginare.

Davvero interessante è notare come l’anziana signora, in principio così vulnerabile da meditare addirittura il suicidio, riesca poi a trovare la forza interiore per superare tutte le prove che deve affrontare durante la sua missione. Catapultata in un’avventura vorticosa che la conduce dal Messico all’Albania, grazie alla sua pazienza, forza e determinazione trova la strada per la libertà – dimostrando dunque anche alla CIA che lei è una risorsa inestimabile per il Governo. Intelligente, coraggiosa, capace di non farsi prendere dallo sconforto nei momenti difficili, Emily Pollifax si dimostrerà un agente segreto sicuramente non convenzionale, ma sorprendentemente efficace. Ed una donna che non si prende mai troppo sul serio, né cerca mai di fingersi più di quel che è.

The Unexpected Mrs Pollifax - edizione attualmente in vendita presso vari store online
The Unexpected Mrs Pollifax – edizione attualmente in vendita presso vari store online

La trama, a prima vista decisamente inverosimile (non sono certo i singoli individui ad offrirsi di lavorare sotto copertura!), ha comunque una certa consistenza interna e mantiene una notevole logica nel suo svolgersi. Gli incidenti e gli imprevisti non sembrano poi troppo diversi da quelli che potrebbero verificarsi in una effettiva missione di spionaggio,ed il loro rapido susseguirsi permette alla tensione di non calare mai. La parte forse meno brillante è quella centrale, che ci presenta i primi giorni di prigionia, quando non accadono grandi avvenimenti – ma in cui facciamo la conoscenza di svariati personaggi minori.

Questo è un altro aspetto particolarmente ben riuscito del romanzo: la presenza di numerosi comprimari interessanti e la loro approfondita caratterizzazione. Il fatto che tanto gli alleati quanto gli antagonisti non siano semplicisticamente buoni o cattivi, e che siano spesso indagate le loro motivazioni ed i loro pensieri, non solo conferisce un’apprezzabile nota di realismo alla narrazione ma rende tutti i personaggi quasi “vivi”. Farrell in particolare diventa la spalla perfetta per la signora Pollifax, un uomo rude quanto lei è beneducata, abituato agli intrighi dello spionaggio mentre la signora ne é del tutto ignara. Insieme i due si completano splendidamente e l’evolversi del loro rapporto costituisce una sotto-trama che stempera quando necessario la componente avventurosa del libro.

Quando ho iniziato “La sorprendente signora Pollifax” mi aspettavo una storia per molti aspetti simile a quelle di Miss Marple, a parte l’ovvia differenza costituita dal fatto che il personaggio della Christie era una sorta di detective ed Emily Pollifax invece una spia. Mi ero completamente sbagliata! Entrambe le anziane signore sono personaggi memorabili, ma in maniera davvero diversissima. La signora Pollifax si contraddistingue di certo per essere divertente e piena di risorse, una persona cui il notevole ingegno e la straordinaria forza di carattere permettono di cavarsela nelle più inaspettate delle situazioni. Una persona che con le sue azioni e il suo modo di pensare mostra tutti gli aspetti migliori e più brillanti dell’essere umano: ottimismo di fronte alle sfide, dignità di fronte alle minacce.

Questo romanzo costituisce un ottimo mix di avventura, spionaggio, mistero ed umorismo, capace di avvolgere il lettore in un’atmosfera quasi tangibile di suspense ed emozione. Il mondo di spie ed intrighi creato da Dorothy Gilman è indubbiamente semplificato (non solo rispetto alla realtà ma anche se paragonato ad altri libri del medesimo genere), la storia è un po’ prevedibile, ma questo libro dallo stile leggero e frizzante è perfetto per chi cerca una lettura rilassante e divertente.

Voto:gifVotoPiccola gifVotoPiccolagifVotoPiccolagifVotoPiccolagifVotoPiccolagifVotoPiccola

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...