“Geronimo Stilton – Viaggio nel Tempo” di Elisabetta Dami – Presentazione

Ho già dedicato un post a Geronimo Stilton, trattando in particolare la collana “Nel regno della Fantasia“, ma quest’oggi ho scelto di parlare nuovamente del vispo direttore dell’Eco del Roditore perché da qualche settimana mio figlio ha scoperto i volumi dedicati ai viaggi nel tempo e mi sono resa conto che – pur nella somiglianza della veste editoriale – queste avventure lo hanno entusiasmato in maniera abbastanza diversa rispetto alle gesta di Geronimo nel mondo di fate, giganti, draghi e streghe.

Copertina del primo volume della collana "Viaggio nel tempo"
Copertina del primo volume della collana “Viaggio nel tempo”

I libri raccolgono una serie di avventure in tempi e luoghi diversi, tre o quattro per ciascun volume. Analizzando per esempio il primo della serie dopo alcuni capitoli introduttivi (che portano Geronimo a decidere di aiutare il professor Volt, ideatore della macchina che permette i viaggi nel tempo) un’ottantina di pagine sono dedicate all’avventura nelle foreste preistoriche abitate dai dinosauri, quindi altrettante pagine riguardano il viaggio nell’antico Egitto e per finire il terzo “capitolo” porta i protagonisti nel castello medievale di Camelot. Oltre a queste tre sezioni di racconto, il libro propone poi circa 130 pagine conclusive che raccolgono giochi, schemi con informazioni storiche reali, adesivi.

Lo schema si ripete nei libri successivi: il secondo volume vede Geronimo e i suoi familiari catapultati nella Roma di Giulio Cesare, nel messico degli antichi Maya e nello splendore della reggia di Versailles, mentre il terzo volume li trasporta in un villaggio preistorico dell’era glaciale, nell’antica Grecia all’epoca di Socrate e nella Firenze rinascimentale (dove incontrano niente di meno che Leonardo da Vinci alle prese con le sue geniali invenzioni).

A livello di trama, ciò che sicuramente colpisce l’immaginazione dei bambini fin dall’inizio di ogni avventura e li invoglia a proseguire nella lettura è assistere alla bizzarra concatenazione di eventi e circostanze per cui il gentiltopo Geronimo, che ha paura degli insetti e degli aerei, che soffre il mal di mare ed è sospettoso persino verso i cibi sconosciuti, si trovi suo malgrado costretto a vivere delle autentiche peripezie. Tra una caduta, una botta in testa e un amichevole scherzo operato dal cugino Trappola, Geronimo conferma tuttavia in ogni occasione di possedere una mente brillante, un fiuto eccezionale e un gran cuore, caratteristiche che gli permetteranno di cavarsi dai guai insieme ai suoi compagni. Insomma, gli imprevisti bussano alla porta di Geronimo (che da parte sua avrebbe di gran lunga preferito sedere in poltrona con una bella tazza di tè) e i bambini non possono fare a meno di appassionarsi alle avventure del loro eroe.

Una delle dettagliate tavole illustrate con informazioni storiche presenti nel primo libro
Una delle dettagliate tavole illustrate con informazioni storiche presenti nel primo libro

Ma il bello di questi libri è che non si limitano ad appassionare i bambini (aspetto comunque molto positivo perché li avvicinano alla lettura!): riescono ad introdurli a tante nozioni storiche in maniera leggera e mai noiosa, coinvolgendoli e facendo capire che la storia non è affatto monotona. Magari quelle informazioni sono in parte già conosciute perché studiate a scuola (o comunque lo sarebbero state a breve), ma parlando con mio figlio dei motivi per cui ama i libri dei Viaggi del tempo è emerso che lo ha entusiasmato leggere di fatti realmente accaduti nel passato, di personaggi esistiti e dei quali poi poteva scoprire ulteriori dettagli sfogliando altri libri “da grandi” o facendo delle ricerche col computer aiutato da mamma e papà.

Nei volumi legati al Regno della Fantasia Elisabetta Dami è riuscita ad avvicinare i bambini all’enorme patrimonio di miti, leggende e folklore che caratterizza le varie culture del mondo; nella serie dei Viaggi nel tempo l’autrice ha saputo mescolare con abilità fatti e figure storiche ai contrattempi e alle peripezie che caratterizzano sempre le avventure di Geronimo.

A mio parere i titoli di questa collana sono strutturati molto bene: non tutte le avventure appassioneranno nello stesso modo, è ovvio, ma nulla vieta ai giovani lettori di focalizzarsi soprattutto su quelle che preferiscono, sia nella parte di racconto che in quella di giochi e approfondimenti. Inoltre ogni storia ha le sue peculiarità, che la differenziano dalle altre, e di solito un finale un po’ a sorpresa che rende la vicenda non solo istruttiva ma anche divertente e spiritosa. E per aiutare i bambini a memorizzare le informazioni apprese (senza che la cosa diventi fastidiosa o faticosa) ci sono le pagine conclusive, coi loro disegni, diagrammi, giochi e attività varie.

L'interessante spiegazione sul funzionamento della macchina per i viaggi nel tempo fornita nel terzo volume.
L’interessante spiegazione sul funzionamento della macchina per i viaggi nel tempo fornita nel terzo volume.

Le illustrazioni occupano una parte significativa di ogni libro (circa metà delle pagine, indicativamente), ed oltre a queste sono naturalmente presenti tutti i grafismi che accomunano le pubblicazioni di Geronimo Stilton: porzioni del testo colorate, frasi scritte con un andamento curvo e irregolare, lettere che progressivamente diventano più grandi o più piccole per suggerire cambiamenti nel tono di voce. Anche se in questa collana non è presente la grande innovazione dei Viaggi nel Regno della Fantasia (alcune pagine che se strofinate emanano puzze e profumi caratteristici), ci sono comunque degli adesivi e negli ultimi volumi qualche pagina tridimensionale.

Dal sesto volume, ecco il telegramma con cui Geronimo è chiamato all'avventura
Dal sesto volume, ecco il telegramma con cui Geronimo è chiamato all’avventura

Il prezzo non è esattamente quello che ci si aspetterebbe per un libro per bambini, ma non è spropositato tenendo conto della qualità del prodotto (carta resistente, illustrazioni con colori vividi, pagine non patinate nella parte di “diario” pensata perché sia compilata dai giovani lettori, edizione con copertina rigida e dimensioni di circa 12×17 cm). Se si valutano i libri in termini di storia, effettivamente il costo risulta alto per una narrazione nel complesso non lunga, accompagnata da scritte molto grandi, numerose figure e tante pagine conclusive lasciate “vuote” in modo che le riempiano i bambini. D’altra parte questa collana, un po’ come tutte quelle di Geronimo, ha il grande pregio di avvicinare i più piccoli alla lettura ed inoltre insegna loro qualche nozione storica inframmezzandola a tanto divertimento e risate, motivo per cui io e mio marito non abbiamo esitato ad acquistare gli 8 volumi che compongono la serie (e che sono un po’ più economici rispetto ai Viaggi nel Regno della Fantasia, ma abbiamo in effetti acquistato pure quelli e quindi forse non siamo un esempio significativo).

La mia esperienza: nostro figlio dopo aver terminato i libri ambientati nel Regno della Fantasia e aver letto molte delle avventure da ridere è stato contento quando gli abbiamo regalato il primo volume dei Viaggi nel tempo e lo ha letteralmente divorato. Ci ha poi detto che gli era piaciuto soprattutto il racconto coi dinosauri (probabilmente il più avventuroso dei tre), tuttavia aveva apprezzato in generale l’impostazione del libro, tanto che ha subito chiesto di poter avere il secondo episodio della collana. Il titolo ha interessato anche la figlia più piccola, che pur non sapendo ancora leggere (non ha ancora cinque anni) ha sfogliato molte pagine, soffermandosi sulle vivaci e dettagliate illustrazioni e chiedendo al fratello di raccontarle cosa succedeva a Geronimo in quel momento. Comunque se dovessi fare un confronto direi che la collana Viaggio nel tempo è risultata – per quanto graditissima – meno appassionante rispetto ai viaggi nel Regno della Fantasia.

Età per cui lo suggerisco: lettura ad alta voce dai 5 anni – lettura autonoma dai 7 anni

Valutazione: acquisto assolutamente consigliato! 03-reading-a-book

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...