Castelli circondati dall’acqua in Germania e Austria

Quest’oggi torno a parlare di castelli sull’acqua, argomento che è già stato oggetto di un mio post e ai quali ho voluto dedicare questo secondo appuntamento perché facendo qualche ricerca mi sono resa conto che la Germania, ed in misura minore anche l’Austria, sono ricche di edifici di questo genere quanto se non maggiormente rispetto alla Francia.

Non si tratta, per la maggior parte, di vasti castelli come le fortificazioni anglosassoni di epoca medievale, né di dimore sontuose come quelle francesi, olandesi o danesi; Austria e Germania vantano soprattutto la presenza di quelle che potremmo definire come residenze fortificate, ovvero edifici relativamente piccoli circondati da un fossato per scopo difensivo.

CASTELLO DI IRMELSHAUSEN
IrmelshausenUn esempio è dato fra gli altri dal castello di Irmelshausen, situato nel circondario del Rhön-Grabfeld – uno dei kreis (unità amministrative) della Baviera. Benché sorga nel medesimo luogo in cui già nell’XI secolo erano stati eretti degli edifici a scopo difensivo e di dimora per un ramo della famiglia dei conti di Henneberg, la costruzione attuale deve il proprio aspetto alle aggiunte volute fra il 1556 e il 1561 dalla famiglia von Bibra che ne aveva nel frattempo assunto il possesso.

Situato su un’isola artificiale nel Milzgrund, ottenuta trasformando la palude circostante in laghetto grazie ad uno sbarramento, il castello di pianta pentagonale irregolare conserva cantine in pietra e torri capriate ed è stato utilizzato più volte come set cinematografico. Il ponte levatoio originale fu sostituito da un ponte di pietra nel XVIII secolo.

 

CASTELLO DI MESPELBRUNN

Schloss_MespelbrunnEdificato in una valle laterale della valle Elsava, all’interno della foresta di Spessart, è il castello tardo-medievale e del Primo Rinascimento di Mespelbrunn. Il primo antenato del castello era una semplice casa senza fortificazioni voluta nel 1412 da Hamann Echter, rappresentante locale del principe regnante, l’arcivescovo di Magonza.

Poiché nel XV secolo lo Spessart era una foresta selvaggia usata come rifugio dai banditi, nel 1427 il figlio del primo proprietario ordinò una ricostruzione della dimora sotto forma di castello fortificato con mura, torri ed un fossato ottenuto con le acque del vicino lago.

Di quella costruzione originaria quattrocentesca rimane soltanto il Bergfried, la torre rotonda, poiché le generazioni successive cambiarono le strutture di difesa riportando l’aspetto della dimora a quello di una tipica casa padronale, costruita prevalentemente in stile rinascimentale. L’aspetto attuale è il risultato in particolare di una ricostruzione fatta tra il 1551 e il 1569.

 

CASTELLO DI BODELSCHWINGH
SchlossBodelschwinghPiù a nord si trova il castello Bodelschwingh, costruito nel XIII secolo da Ritter Giselbert I di Bodelschwingh ed ancora di proprietà della famiglia originale. Oltre ad essere il più importante castello sull’acqua nella regione della Ruhr e nei dintorni di Dortmund, un’altra interessante caratteristica dell’edificio è il suo poggiare interamente – come Egeskov – su pali di quercia.

Essendo non solo un castello di proprietà privata, ma persino una residenza usata dalla famiglia, Bodelschwingh è aperto al pubblico solo in rare occasioni; per esempio agli inizi del prossimo settembre è previsto un incontro di espositori floreali nell’ampio parco del castello.

 

CASTELLO DI GLUCKSBURG

GluecksburgschlossAncora più a settentrione si incontra quello che è probabilmente il più famoso castello sull’acqua della Germania: il castello di Glücksburg (in tedesco: Schloss Glücksburg; in danese: Lyksborg Slot), situato nella municipalità di Glücksburg nello Schleswig-Holstein.

Costruito in stile rinascimentale tra il 1583 e il 1587 per volere del duca di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg, figlio del re danese Cristiano III, l’edificio è in gran parte circondato dall’acqua e si caratterizza per le facciate di color bianco.

Il portale d’ingresso reca l’iscrizione GGGMF, sigla del motto di Johann di Schleswig-Holstein-Sonderburg: Gott gebe Glück mit Frieden, ovvero “Che Dio rechi felicità e pace“.

 

PALAZZO ANIF
Schloss_AnifNon eccessivamente distante dall’Italia è il castello austriaco di Anif, situato nel lago artificiale Anif a sud di Salisburgo. Benché le origini di una costruzione sul luogo non siano certe, i documenti testimoniano come intorno al 1520 fosse presente un palazzo, inizialmente sede dei vescovi di Chiemsee, e poi utilizzato come tribunale fino al XIX secolo.

Ristrutturato tra il 1838 e il 1848 in stile neo-gotico, l’edificio balzò agli onori della cronaca nel 1918, quando il re Ludwig III di Baviera ed il suo entourage vi si rifugiarono per sfggire alla rivoluzione di novembre. Il Palazzo Anif è attualmente di proprietà della famiglia von Moy e che io sappia non è aperto al pubblico.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...