Collana “L’albero dei libri” di Eli – La Spiga e il volume “Alizé contro Perfidia” di Mariagrazia Bertarini e Marzia Giordano – Presentazione

Negli ultimi anni sono state create tantissime collane rivolte ai bambini delle prime classi della scuola primaria con il preciso scopo di aiutarli a prendere confidenza con la lettura autonoma; anche io sul blog ho già presentato alcune di queste pubblicazioni (alcuni esempi sono Leggimi Prima!” di Sannos, I primi sassolini” di Mondadori pubblicazione della quale ho parlato anche nel post su “Sono allergico ai draghi, e la collana Tre passi” di Emme Edizioni). Motivata dal medesimo intento è anche la serie di volumi pubblicata dal gruppo editoriale Eli – La Spiga sotto il cappello di “L’albero dei libri“: ben tre diversi livelli di difficoltà sia linguistica che tematica contraddistinti da un diverso colore: verde, giallo e arancione, ai quali si è recentemente aggiunta la serie oro dedicata ad argomenti di attualità come l’Unità d’Italia o le Olimpiadi.

Alcuni volumi della collana
Alcuni volumi della collana

Questa collana dunque si suddivide in più approcci proprio per coprire tutto il panorama della narrativa per bambini della scuola primaria: la serie verde è formata da racconti e fiabe in stampato maiuscolo o minuscolo, con un numero di pagine fra le 48 e le 64 ed un paio di volumi più articolati di ben 80 pagine, tutti studiati per imparare a leggere da soli. Segue la serie gialla, con libri più corposi (un paio hanno 60 pagine, ma di solito si va dalle 96 alle 112 e 128) destinati a ragazzi che leggono già da soli e basati o su riadattamenti dei classici o su avventure a volte fantastiche a volte realistiche. Lo step successivo è rappresentato dalla serie arancione, destinata a lettori esperti, con volumi dalle 112 pagine in su. La serie oro come accennavo si contraddistingue non tanto per un diverso grado di complessità ma per gli argomenti, che dovrebbero contribuire a rendere i ragazzi partecipi di ciò che accade intorno a loro.

Se dunque il livello di abilità in lettura richiesto è progressivo fra le varie serie, trasversale è invece la suddivisione per tematiche: storie per crescere, classici, artè, cartoline, la macchina del tempo sono le categorie a cui i vari volumi appartengono e che permettono già a priori di farsi un’idea del tipo di messaggio veicolato dalla narrazione. Tutti i libri hanno un formato tascabile con copertina flessibile e dimensioni di circa 15×20 cm; per alcuni titoli è stata pubblicata una versione in stile copione (quelli contraddistinti dalla categoria Artè), e per altri è invece stato realizzato l’audio CD che viene venduto insieme al volume stesso.

Noi avevamo fatto conoscenza con questa collana un paio d’anni fa, quando in occasione della caduta dei primi dentini da latte avevamo sfruttato la bella storia di Alizè per spiegare che fine fanno questi denti persi dai bambini di tutto il mondo. Mariagrazia Bertarini ha infatti immaginato l’esistenza di una strega malvagia come il suo nome indica – Perfidia – che è riuscita con un sortilegio ad imprigionare tutte le altre fate per 100 anni ed all’approssimarsi del centesimo anno decide di realizzare una pozione per fermare il tempo e mantenere la propria supremazia. I dentini da latte guarda caso sono proprio un ingrediente di tale pozione, ma Perfidia sarà ostacolata nei suoi piani da Alizè, piccola fatina che era stata protetta dalla cattura da Grande Orsa.

Pagine tratte dal sito della casa editrice http://www.alberodeilibri.com/index.php relativamente al volume "Alizé contro Perfidia"
Pagine tratte dal sito della casa editrice http://www.alberodeilibri.com/index.php relativamente al volume “Alizé contro Perfidia”

Questa vicenda ci aveva colpito perché intrigante per dei bambini, in quanto in qualche modo offre un significato non banale ad un momento importante per i piccoli come il cambio dei primi denti. Non posso esprimere giudizi altrettanto puntuali sul resto della collana (possediamo soltanto un altro volume della serie gialla, “Dieci milioni di giorni fa“, mentre abbiamo regalato ad un amichetto un titolo della serie verde, “Mistero alla fattoria Giallogirasole“) ma da quanto ho visto si tratta di una pubblicazione davvero ben realizzata.

L’albero dei libri” è un progetto con alcuni punti fermi che sono comuni a tutte le quattro serie, e si tratta di aspetti che in volumi dedicati all’infanzia non possono che essere giudicati positivamente: la copertina per esempio propone una breve scheda di lettura, con il riassunto e i personaggi principali, mentre i testi sono divisi in capitoli brevi perché il piccolo lettore possa fermarsi quando vuole.

Molto curata è anche la componente grafica: ogni illustratore avrà naturalmente il suo stile, ma si nota che i disegni (coloratissimi e vivaci soprattutto nei volumi della serie verde destinata ai più piccoli) sono sempre studiati in modo da completare la lettura e trasformare una delle frasi riportate nella medesima pagina in una sorta di didascalia all’immagine stessa. Le illustrazioni inoltre danno sempre una grande idea di movimento e dinamicità: nel volume “Alizé contro Perfidia” per esempio vediamo streghe a cavallo di una scopa o che si tuffano in un calderone colmo di pozioni, mentre in “Mistero alla fattoria Giallogirasole” il cane Ernesto è mostrato sempre con una zampa sollevata o un’orecchia piegata, come se stesse trottando o fosse in ascolto di un suono.

Alcune immagini del volume "Mistero alla fattoria Giallogirasole", tratte dal sito della casa editrice http://www.alberodeilibri.com/index.php
Alcune immagini del volume “Mistero alla fattoria Giallogirasole”, tratte dal sito della casa editrice http://www.alberodeilibri.com/index.php

Molto interessanti infine sono le attività e i giochi presenti in coda a ciascun volume; pensati per porre un accento sulla comprensione del racconto letto, sono allegri e divertenti, oltre che sempre in linea con il livello di difficoltà della lettura a cui si riferiscono. Ecco allora che per la serie verde abbonderanno soprattutto esercizi in cui completare con il nome del personaggio una certa illustrazione, oppure domande con risposte multiple non troppo complesse, mentre nella serie gialla si incontrano quesiti meno intuitivi.

La mia esperienza: finora questi libri li ha letti soltanto il mio figlio maggiore, perché la sorellina non ha ancora iniziato la scuola primaria e dunque non è in grado di affrontare la lettura autonoma. Entrambi i titoli in nostro possesso gli sono piaciuti, lo hanno invogliato a leggere in fretta la storia per conoscerne il finale, lo hanno interessato nella parte finale delle attività.

Età per cui lo suggerisco: lettura ad alta voce dai 4 anni – lettura autonoma dai 6 anni

Valutazione: acquisto davvero consigliato! 03-reading-a-book

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...