Non è un libro ma … Recensione di un gioco da tavolo: “If You See a Crocodile”

Dopo aver parlato tempo fa di un divertente gioco destinato ai più piccoli, “Three Little Pigs” (questo il post a cui mi riferisco), quest’oggi ho scelto di parlare di un altro simpatico e movimentato prodotto sempre della Orchard Toys, anch’esso pensato per un pubblico davvero infantile, ovvero i bambini sopra i tre anni d’età. Il gioco a cui mi riferisco è “If You See a Crocodile“.

La scatola del gioco
La scatola del gioco

Lo scopo del gioco è quello di raggiungere per primi la rimessa delle barche facendo attenzione ai coccodrilli. Trenta gettoni colorati vengono sparsi al centro del tavolo con la faccia colorata rivolta verso l’alto; i giocatori, a turno, lanciano il dado dalle facce colorate e girano un gettone del colore corrispondente. Se sul retro del gettone si trova uno spruzzo d’acqua, il giocatore sposta la propria pedina sulla casella successiva dello stesso colore. Se invece sul retro del gettone c’è l’immagine di un coccodrillo il giocatore deve urlare – per lo spavento – e non può spostare la propria pedina. La partita termina quando un giocatore raggiunge la rimessa per le barche e riesce ad ottenere con il lancio del dado lo stesso colore del gettone promemoria posto a fianco della rimessa stessa.

L’ambientazione probabilmente non è sentita quanto quella dei tre porcellini che sfuggono al lupo cattivo ma è comunque ben resa e coinvolgente. Sarebbe stato più bello se i gettoni avessero avuto anziché una distizione basata sul colore qualche caratteristica diversa, maggiormente legata all’idea dello stagno e delle barche (per esempio animali o piante che si trovano in quei luoghi). Immagino però che riconoscerli, sul dado e sul percorso oltre che sui gettoni stessi, sarebbe stato in quel caso più complicato per bimbi piccoli rispetto a quanto non sia distinguere i differenti colori.

La componentistica La componentistica è di buon livello come già constatato con “Three Little Pigs“; il cartone (riciclato) in particolare è abbastanza spesso e rigido per risultare resistente anche se maneggiato dai più piccoli. I colori, non solo dei dischetti ma anche dei disegni, sempre allegri e vivaci e le illustrazioni in un tratto tondeggiante ma netto (e ben definito grazie al contorno in nero) che cattura l’attenzione dei bambini. Oltre ai tasselli da incastrare per formare il tabellone di gioco, sono presenti nella confezione – compatta e con un piccolo manico di plastica – un dado con le facce colorate, una rimessa e una barca da assemblare in tre dimensioni, 4 segnalini per i giocatori, 30 gettoni colorati da un lato e con spruzzi d’acqua o coccodrilli dall’altro più sei ulteriori dischetti colorati da usare per ricordarsi quale sia nella partita in corso il colore che delimita la fine del percorso.

Visione d'insieme del materiale contenuto nella scatola
Visione d’insieme del materiale contenuto nella scatola

Le istruzioni (ho espressamente chiesto alla mamma del bimbo cui abbiamo regalato il gioco) sono purtroppo solo in inglese, mentre credo che in passato fosse presente un foglietto multilingua con varie traduzioni fra le quali anche l’italiano. C’è da dire comunque che le regole sono schematiche e semplici, perciò è sufficiente una conoscenza di base dell’inglese per tradurle senza alcuna difficoltà.

La meccanica di gioco, basata esclusivamente sul tiro dei dadi, non può che essere del tutto dipendente dal fattore fortuna. Questo alla lunga potrebbe dispiacere un giocatore che attraversi un momento sfortunato, ma credo che la possibilità di gridare “coccodrillo” a gran voce, unita al fatto che in realtà l’avanzamento sul tabellone è parecchio mutevole perché necessariamente il dado favorirà a fasi alterne un po’ tutti i partecipanti, rendano comunque il gioco divertente per tutti.

Come “meccaniche di gioco” propriamente dette non ci sarebbe da aggiungere altro, comunque trattandosi di un prodotto destinato ai bambini molto piccoli mi sembra giusto sottolineare che il gioco aiuta a sviluppare le abilità matematiche legate al far di conto (si deve progredire sul percorso e capire quanto manca al traguardo), oltre che impegnare i più piccini nel distinguere correttamente i colori. Il fatto poi che si debba gridare alla vista del coccodrillo costituisce da un lato un simpatico sfogo per la naturale vivacità dei bambini, dall’altro un eventuale spunto per drammatizzare ulteriormente il gioco trasformandolo in qualcosa di più immaginato e meno “da tavolo”.

Fotografie ravvicinate della barca e della rimessa (dal sito di vendita online di giochi da tavolo http://www.egyp.it/)
Fotografie ravvicinate della barca e della rimessa (dal sito di vendita online di giochi da tavolo http://www.egyp.it/)

Forse una partita completa giocata secondo le regole ufficiali potrebbe risultare leggermente troppo lunga per i bambini di appena tre anni, ma in questo caso non è difficile adattare un po’ la modalità di gioco per evitare un calo dell’attenzione. Il primo espediente che mi viene in mente è di escludere per esempio i dischi di un certo colore (il che rende di fatto più breve il percorso da coprire), oppure far tirare il dado due volte per turno anziché una. Anche perché, vista la semplicità delle regole e la loro applicazione intuitiva, io penso che il gioco sia fruibile con piacere già da bimbi che abbiano da poco superato i due anni.

La nostra esperienza: noi non abbiamo mai giocato a “If You See a Crocodile” perché, come già per il gioco sui porcellini, si è trattato di un regalo. Purtroppo ho scoperto i prodotti della Orchard Toys solo di recente ed ormai i miei figli sono un po’ cresciuti per questo genere di giochi legati prevalentemente alla fortuna, ma – a quanto mi dice la madre del piccolo destinatario del regalo – “If You See a Crocodile” è un vero successo ed è diventato uno dei preferiti del bambino.

 

Queste le caratteristiche riportate sulla scatola:gif-board-games
Gioco da 2 a 4 giocatori
Età dai 3 anni in su

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...