“Le avventure di Malipiero” di Angela Catalini – Presentazione

Alzi la mano chi non ha mai scelto un libro soltanto perché attratto dalla copertina! Io sono la prima ad ammettere che, soprattutto quando si parla di pubblicazioni per l’infanzia, il colpo di fulmine può senza dubbio scattare grazie ad una copertina particolarmente curata e ben disegnata. Ho scelto seguendo l’impulso della prima impressione “Racconti per sognare“, per esempio, ed è stato uno dei libri che più abbiamo letto e riletto la sera prima di dormire quando i miei figli erano piccoli.

Ebbene, il volume al quale dedico il post odierno, “Le avventure di Malipiero” probabilmente si può considerare agli antipodi di una simile filosofia: non che la copertina sia poco accattivante, ma il formato del libro (10×15 cm, una sessantina circa di pagine che si traducono in uno spessore di nemmeno mezzo centimetro) non è certo di quelli che si impongono all’attenzione. Ma soprattutto può sembrare un po’ eccessivo il prezzo di vendita (di poco superiore ai 10 euro) se confrontato con titoli di altre case editrici più note che per cifre simili offrono pubblicazioni più colorate o più corpose.

Quest’iniziale approccio non troppo positivo in realtà nasconde una storia interessante e ben calibrata, un’avventura per bambini che strizza l’occhio da un lato ai romanzi (o addirittura ai giochi di ruolo) fantasy e dall’altra ai romanzi di formazione della miglior tradizione letteraria. Il protagonista, Malipiero, è infatti un bambino che si trova a dover fronteggiare una situazione più grande di lui, essere rimasto solo nella sontuosa dimora di famiglia dopo la prolungata assenza dei genitori. Malipiero in realtà non è proprio solo, ha come amico e consigliere un pipistrello, ma dopo duecentottanta giorni senza mamma e papà è davvero preoccupato e l’improvvisa comparsa alla porta del palazzo di un cortigiano stupito che l’edificio non compaia sulle mappe del regno sarà solo il primo di una bizzarra catena di eventi.

Come accennavo il racconto della Catalini ha un sapore di fiaba fantastica, con tutti gli ingredienti che ci si potrebbe attendere: un re benevolo ma distante (in tutti i sensi, visto che se ne vola via a cavallo di un refolo di vento), una nuova padrona di casa che somiglia pericolosamente ad una matrigna cattiva, uno studioso sempre chino sui libri, animali parlanti che aiutano il protagonista, tesori nascosti, stanze segrete, leggende antiche al punto da avere quasi assunto il sapore del mito …

Foto (parecchio sfocata) di una coppia di pagine interne

La storia è ben sviluppata, originale pur muovendosi in un canovaccio abbastanza consolidato tra le fiabe per cui il piccolo Malipiero si trova a doversi difendere dal mondo contando sulle proprie capacità e sull’aiuto degli amici, ed è sicuramente il punto di forza del libro. Al testo infatti è dedicata la quasi totalità dello spazio disponibile, che soltanto al termine dei sette capitoli in cui è suddiviso il racconto si arricchisce di un’illustrazione. Sia io che mia figlia infatti avremmo preferito più disegni, e soprattutto più colorati.

Una delle sette illustrazioni presenti nel libro

Le illustrazioni presenti, opera anch’esse di Angela Catalini, sono evocative e coinvolgenti grazie all’effetto che ricorda le animazioni tridimensionali dei cartoni animati più moderni, ma un po’ penalizzate sia dalla ridotta dimensione del libro, sia dal fatto di non essere a colori ma soltanto in toni di grigio. E soprattutto dal fatto di essere soltanto sette in tutto il libro: un po’ troppo poche per un titolo destinato anche ai bambini che non sanno ancora leggere in maniera autonoma e che, ascoltando la lettura fatta da un adulto, si divertono nel frattempo a studiare con la massima attenzione disegni e figure.

Insomma, “Le avventure di Malipiero” mi pare un volume valido in particolar modo dal punto di vista della storia narrata, coinvolgente ma facile da seguire, mentre avrebbe potuto essere incrementato il peso delle immagini – il che ritengo che avrebbe reso il libro ancora più interessante e godibile.

La mia esperienza: ho ricevuto questo libriccino in omaggio direttamente dall’autrice, il che mi ha permesso di conoscere non solo lei e la sua opera ma anche una casa editrice (Giovannelli Edizioni) che non avevo mai notato prima sugli scaffali delle librerie. Ho letto “Le avventure di Malipiero” con la mia figlia più piccola una sera, in stile racconto prima della nanna, ma per quanto la storia l’abbia appassionata non posso negare che lo scarso spazio offerto alle illustrazioni l’ha spiazzata ed un pochino delusa.

Età per cui lo suggerisco: lettura ad alta voce dai 5 anni – lettura autonoma dai 6 anni e mezzo02-reading-a-book

Valutazione: acquisto consigliato

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...