L’estratto della settimana: “P.S. I love you” di Cecelia Ahern

Mi sono ritrovata l’estratto di questo romanzo sull’ebook-reader senza sapere più quando lo avevo scaricato (evidentemente alcuni mesi fa, oppure me ne ricorderei) e ne ho affrontata la lettura senza sapere nulla della trama, avendo come unico indizio l’immagine di copertina. E le sorprese, per me che mi aspettavo un chick-lit scanzonato oppure un rosa leggero di ambientazione contemporanea, sono state notevoli: “P.S. I love you” non è infatti la classica storia di una coppia che si innamora e dopo qualche alto e basso, delle incomprensioni più o meno motivate, degli incidenti di percorso, si dichiara eterno amore ponendo la parola fine su uno zuccheroso happy ending.

In questo libro l’autrice prende la sua coppia, inamorata e felice, e spezza d’improvviso l’incantesimo che sembrava tenerli uniti con l’improvvisa morte del protagonista. L’eroina, Holly, si ritrova dunque sola nella casa che aveva diviso con il marito, sola nel letto dove si abbracciavano e dal quale nessuno dei due voleva uscire la sera per spegnere la luce che avevano dimenticato accesa, sola al tavolo della colazione o sul divano in cui sedevano per vedere la televisione. Sola e letteralmente soffocata dal dolore, Holly passa le nottate (ma spesso anche buona parte delle giornate) a piangere, consolata solo temporaneamente dalle amiche più care. Ogni cosa per Holly, che sia un oggetto, un pensiero, un luogo, è pregna del ricordo di Gerry e Holly non riesce più a vivere, si limita a sopravvivere incapace di reagire alla situazione in cui il destino l’ha messa.

Come ho già scritto in apertura a questo post, nell’iniziare la lettura di “P.S. I love you” mi attendevo qualcosa di completamente diverso da una storia drammatica basata sul lutto. In un primo momento sono rimasta così spiazzata che sono stata fortemente tentata di mettere da parte il libro e passare ad altro, anche perché la narrazione pur senza essere in prima persona fa un ricorso molto frequente al discorso diretto con il risultato di apparire a tratti un po’ troppo colloquiale.

D’altra parte il romanzo a suo modo è avvincente, fin dalle prime pagine la Ahern seppure senza farlo in modo eccelso riesce comunque a trasmettere il dolore lacerante di Holly, la sua debolezza di fronte alla vedovanza, il modo in cui il desiderio di reagire e ricostruirsi una vita siano qualcosa a cui non riesce nemmeno a pensare, figuriamoci a realizzare. Dopo aver posto la sua protagonista in una situazione davvero tragica l’autrice non la fa miracolosamente risollevare dall’oggi al domani e si focalizza invece a parlare della difficoltà, dello scoraggiamento, delle lacrime di Holly.

Ad essere sincera non posso dire che lo stile della Ahern, scrittice che non conoscevo e della quale ho scoperto che “P.S. I love you” è l’opera d’esordio, mi abbia catturata. Sebbene scorrevole e grammaticalmente corretto, manca di quel pathos che avrebbe reso davvero incisiva la narrazione e che, in maniera differente ma molto più coinvolgente, ho ritrovato invece in altri libri come “La giovane Elisabetta” in cui la protagonista pur affrontando problemi diversi dalla prematura vedovanza si trova a fronteggiare un destino crudele, che la imprigiona impedendole di essere serena e di essere se stessa.

Insomma, il mio giudizio su “P.S. I love you“, almeno per la parte iniziale del romanzo, è ambivalente: da un lato ne apprezzo l’originalità, dall’altro mi dispiace che non riesca ad essere più profondo e coinvolgente nel mostrare il dolore di Holly e l’oppressione interiore che le impedisce di rialzarsi dopo la caduta. In definitiva, incuriosita da una trama che promette di svilupparsi in direzione molto diversa dalle tradizionali storie d’amore così come da un classico quale Love Story , ho deciso di dare una chance a questo romanzo e proseguirne dunque la lettura.

Giudizio dell’estratto:reading_book-sad_smiley

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...