Un consiglio di cucina: la ricetta degli sformatini freddi ai frutti di bosco

Con l’espressione “frutti di bosco” si intende quella categoria di frutta che si sviluppa nel particolare clima umido e ombroso del sottobosco: lamponi, mirtilli neri, mirtilli rossi, more, ribes, fragoline selvatiche. Tutti alimenti ricchi di antiossidanti e di acido folico, nonché di grande aiuto nel prevenire l’invecchiamento ma anche nell’apportare benefici al cuore, limitare il colesterolo, contrastare le infezioni.

frutti-bosco

L’inconveniente che più contrasta con un largo consumo dei frutti di bosco sta – purtroppo – nella loro scarsa reperibilità: a parte raccoglierli di persona durante qualche passeggiata estiva o d’inizio autunno, l’unica altra alternativa è acquistarli a prezzi non proprio economici o freschi dal fruttivendolo o surgelati. Siccome a mio figlio piacciono molto sia le more che i lamponi, un paio di volte ho provato l’acquisto nel banco freezer, ma ammetto che la resa in questo caso è davvero deludente: una volta scongelata la frutta è molliccia, un po’ acquosa, meno saporita.

Vale dunque davvero la pena, mentre dura la loro breve stagione, di approfittare delle passeggiate in montagna e in campagna per raccoglierli direttamente dalle piantine e poterli consumare freschi. E se mai da una raccolta particolarmente fortunata ne avanzassero un po’, ecco la ricetta di un fresco e squisito dessert perfetto per chiudere in dolcezza anche un pranzo elegante, pur conservando tutta la semplicità di un dolce al cucchiaio privo di cottura (e per questo ancora più essenziale della già basilare bavarese o panna cotta).

 


cam01068RICETTA DEGLI SFORMATINI FREDDI AI FRUTTI DI BOSCO

Ingredienti per 4 persone:

400 gr di ricotta – 150 gr di formaggio dolce e cremoso (tipo mascarpone) – 7 cucchiai di zucchero – 2 cucchiai di liquore dolce – 400 gr di lamponi – 250 gr di more – panna montata per guarnire

Procedimento

Nel caso in cui si sia scelto di usare more e lamponi surgelati, estrarli dal freezer e lasciarli scongelare. Io comunque li ho provati solo una volta e mi spiace dire che non solo non hanno esattamente lo stesso sapore di quelli freschi, ma anche la consistenza perde molto nel processo di conservazione.

In una terrina amalgamare i due formaggi; aggiungere poi lo zucchero e il liquore, mescolando delicatamente per rendere il composto omogeneo.

Passare i lamponi al setaccio, tenendone da parte una dozzina per la decorazione. Mescolare quindi il passato di lamponi al composto di formaggi, unirvi le more intere (anche in questo caso tenerne da parte una dozzina per guarnire il piatto) e mescolare con molta delicatezza per non rompere le more. La crema deve risultare omogenea sia come colore che come consistenza.

Riempire poi con questo impasto degli stampini dal bordo alto (il diametro ideale è di circa 10 cm), livellandone bene la superficie. Nel caso in cui non si possiedano degli stampini adatti – o si temano incidenti al momento di sformare dall’involucro il dessert – ci si può alternativamente orientare verso coppette singole, possibilmente in vetro in modo che sia possibile vedere il dolce attraverso il contenitore.

Porre in frigorifero la crema per un paio d’ore. Se si sono usati gli stampini, questo è il momento di estrarre il dolce: rovesciare dunque gli stampini su di un piatto da portata e decorarlo con ciuffetti di panna montata, la frutta tenuta da parte e qualche fogliolina di menta.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...