“I tre porcellini” di Steven Guarnaccia – Presentazione

Il libro a cui ho scelto di dedicare il post odierno è uno di quei libri, rari ma non inesistenti, che al termine della lettura mi fanno dubitare di aver pescato nello scaffale dei volumi per l’infanzia una pubblicazione destinata invece agli adulti. “I tre porcellini” di Steven Guarnaccia è infatti una spigliata e curatissima rivisitazione della nota favola europea, riletta in chiave moderna con spunti architettonici e di design molto interessanti ma per la maggior parte non comprensibili dai bambini.

Copertina
Copertina

In questo libro (pubblicato nel 2009 dalla casa editrice Corraini in formato con copertina rigida e 36 pagine di 23×33 cm) i protagonisti sono infatti i classici tre fratelli maialini, ma richiamano Frank Gehry, Le Corbusier e Frank Lloyd Wright. I nostri paffuti protagonisti costruiscono le loro case in maniera tale che chi conosca i celebri architetti non potrà avere dubbi: il più pigro edifica una casetta di rottami e lamiera; il secondo, molto vanitoso, una dimora di vetro (perché tutti potessero ammirarlo); il terzo fratellino (un tipo pratico) innalza una solida abitazione di pietra e cemento.

Le ricche illustrazioni del libro (realizzate con tecniche miste) ci mostrano non solo queste case così diverse, ma anche accessori (dalle sedie ai tappeti, dalle lampade ai tavoli) firmati da alcuni fra i più rinomati designer del globo. Ed anche quando non si riconosce l’autore preciso di un oggetto, è facile dalle sue forme particolari intuire che non siamo di fronte ad un prodotto da catena di montaggio: sedie arcuate e arrotondate, soprammobili futuristici, tappeti che paiono quadri astratti, tutto è fuori dagli schemi.

Peccato che per un bambino tanta attenzione al dettaglio sia a mio avviso sprecata: i piccoli non conoscono né le figure e le opere degli architetti né quelle dei designer (questi ultimi in larga parte sconociuti anche agli adulti) e con la loro innata fantasia non troveranno poi troppo strane le case di vetro o le sedie che si accartocciano su se stesse come le spire di un serpente.

L’autore è stato indiscutibilmente abile a reinterpretare un classico delle favole attraverso gli occhi dell’architetto e del designer, ma non vedo perché la sua opera venga considerata un prodotto per l’infanzia. Non bastano a caratterizzarlo come tale né i tratti precisi e i colori nitidi delle numerose illustrazioni, né il campionario di oggetti d’autore riportato nei risvolti del libro (quasi che Guarnaccia li avesse ricapitolati lì per poi spargerli in stile caccia al tesoro nelle pagine del volume).

Una delle pagine interne
Una delle pagine interne

Non dico che non sia divertente vedere un lupo con gli stivaloni neri e la giacca di pelle che sta a cavalcioni di una moto per uscire dal bosco, ma non credo che questa riedizione de “I tre porcellini” sia la più adatta per attrarre i bambini. E’ sicuramente simpatica l’idea di calare i protagonisti in un’ambientazione più moderna e cittadina rispetto a quella canonica, ma i riferimenti ad arte e architettura (che dovrebbero costituire il tratto distintivo del libro) sono quelli meno significativi per un pubblico infantile.

La mia esperienza: avevo acquistato il libro pensando di sfruttarlo per introdurre il concetto di architettura moderna ai miei figli, ma alla fine non l’ho trovato utile allo scopo e il volume è finito nella libreria del salotto insieme ai libri “da grandi”. Lì è rimasto per alcuni mesi finché un’amica architetto non lo ha sfogliato quasi per caso e, visto l’entusiasmo con cui osservava i vari dettagli delle illustrazioni, abbiamo deciso di regalarlo a lei.

Età per cui lo suggerisco: lettura ad alta voce dai 4 anni – lettura autonoma dai 7 anni

Valutazione: acquisto che non consiglio in quanto il libro, in sé pregevole e ben fatto, più che un libro per bambini mi sembra un volume (quasi da collezione) per architetti e designer.Acquisto non consigliato

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...