“The Story of Christmas” di Pamela Dalton – Presentazione

Da quando ho iniziato la mia avventura come blogger, nel periodo precedente al Natale ho sempre dato spazio ad almeno un libro per l’infanzia in lingua inglese – di solito perché per le ricorrenze religiose ho notato che le pubblicazioni statunitensi sono più variegate ed interessanti di quelle nostrane. Decisa a mantenere questa piccola abitudine, ho scelto anche quest’anno di dedicare un post ad un volume probabilmente poco noto in Italia ma che io ho avuto la fortuna di sfogliare e che sono davvero tentata di acquistare per la nostra biblioteca domestica. Mi riferisco a “The Story of Christmas” di Pamela Dalton.

Con la sua copertina rigida ed un formato quadrato tutt’altro che tascabile (siamo intorno ai 25 x 25 cm), il volume incuriosisce soprattutto per l’illustrazione che incornicia il titolo, una vivace scena della Natività su sfondo nero. Ebbene, lo stile della copertina è in tutto e per tutto fedele a quello delle 32 pagine che compongono il libro e si fonda sulla Scherenschnitte – espressione tedesca analoga all’inglese scissor cuts che indica l’arte di creare dei disegni ritagliando sapientemente la carta in forme più o meno simmetriche ma comunque sempre molto nette e dai contorni ben definiti.

Questa forma d’arte (come ho scoperto con qualche ricerca in rete dopo che sfogliando il libro ne ero rimasta incuriosita) risale ad una tradizione svizzera e tedesca del sedicesimo secolo, che venne portata nell’America coloniale dagli immigranti olandesi di duecento anni dopo e che mantiene radici molto vive soprattutto in Pennsylvania. “The Story of Christmas” in realtà presenta normali pagine stampate come la maggior parte dei libri illustrati, ma sul sito dell’autrice fra il vario materiale presente è disponibile anche un interessante video che mostra come sono state create le silhouette per illustrare un volume di ispirazione analoga dedicato al Cantico dei cantici di san Francesco, “Brother Sun, Sister Moon“.

Il risultato è davvero squisito e non si può fare a meno di notare come sullo sfondo nero e lucido delle pagine risaltino le belle scene create dalla Dalton, nelle quali colori vividi ed armoniosamente accostati fanno da complemento a figure nitidamente tratteggiate ma spesso ricche di dettagli (come le ali degli angeli o le foglie degli alberi). Anche le sfumature scelte dall’artista sono al tempo stesso vivaci e delicate, scintillanti come se vi fosse stemperata della polvere d’oro o d’argento, tenui come gli affreschi antichi sulle pareti delle chiese.

Il momento da cui tutto il mistero della Natività ha inizio: l’Annunciazione

La qualità dei disegni è tale che – come talvolta succede con casi analoghi, quali il delicato volume a intaglio “Il primo natale. Un carosello natalizio” di Jan Pienkowski – il libro più che per bambini si può considerare adatto ad un pubblico di collezionisti. Spesso le pubblicazioni illustrate (siano esse di argomento religioso, storico o di fantasia) assumono dei tratti fumettistici o da cartoni animati che le rende poco appetibili per i lettori più grandi, con però il rischio che il testo in accompagnamento sia troppo maturo o noioso per i bambini piccoli. Accoppiare la storia della Natività di Cristo con la bellissima opera d’arte di Pamela Dalton è stata invece a mio parere un’idea brillante: non solo la storia prende vita, ma raggiunge un pubblico molto più ampio di quello che la maggior parte delle riduzioni a tema natalizio ha avuto in passato.

Ad accompagnare le belle e caratteristiche illustrazioni, che rimangono comunque a mio parere il punto focale del libro, ci sono come ho accennato e come è naturalmente prevedibile i corrispettivi brani evangelici, tratti in questo caso dalla versione di Re Giacomo della Bibbia. Io non possiedo una tale conoscenza delle diverse edizioni in lingua inglese della Bibbia per giudicare questa scelta in confronto con altre traduzioni più moderne/semplici/musicali o altro. Quello che posso dire è che il linguaggio antico non risulta troppo difficile da comprendere neppure per delle persone non di madrelingua e a maggior ragione credo che chi ha nell’inglese la sua lingua d’uso principale ne potrà apprezzare il ritmo e la delicatezza.

Un’altra scena cruciale del libro, l’annuncio gioioso degli angeli

Il risultato dell’abbinamento fra il testo, noto ma suo modo poetico, e le ricche illustrazioni della Dalton fa somigliare il libro ad un manoscritto medievale o del primo rinascimento italiano, molto dettagliato e semplicemente stupendo. Personalmente ho apprezzato anche che l’autrice abbia scelto di porre la nascita di Gesù in un contesto più ampio, partendo dall’annuncio dell’arcangelo Gabriele a Maria e chiudendolo con la bella frase carica di premesse ed anticipazioni di quello che sarà il destino di Cristo “And the child grew, and waxed strong in spirit; and the grace of God was upon him. (E il bambino cresceva e si fortificava nello spirito; e la grazia di Dio era su di lui)”

La mia esperienza: ho letto questo incantevole libro per caso, partecipando ad un incontro pre-natalizio organizzato dal centro estivo frequentato dai miei figli in occasione del quale era stato chiesto a ciascun bambino di portare un libro o un giocattolo da condividere per quel pomeriggio con gli altri. Io mi lascio affascinare sempre più facilmente dai libri piuttosto che dai giochi, infatti la mia attenzione è stata subito attratta dalla copertina di “The Story of Christmas” che mi aveva fatto immaginare ad una pubblicazione artistica. Il volume si è rivelato diverso dalle mie attese ma così bello da non avermi assolutamente fatta pentire di averlo sfogliato per almeno un quarto d’ora!

Età per cui lo suggerisco: lettura dai 3 anni – lettura autonoma (per bambini di lingua inglese) dai 7 anni

Valutazione: acquisto consigliatissimo! 03-reading-a-book

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...