Un consiglio di cucina: la ricetta delle tartellette ai porri e merluzzo

Io non amo molto il pesce, forse perché sono nata e vissuta in una delle poche regioni italiane prive di sbocchi sul mare, ma è indubbio che questo alimento faccia bene – spesso più della carne. Per questo cerco, non sempre con successo purtroppo, di cucinarlo almeno una volta a settimana orientandomi per il sempre classico “venerdì pesce”. In effetti le varietà di pesce sono talmente numerose, tanto più rispetto alla carne, che ce n’è davvero per tutti i gusti: salmone, trota, sogliola, platessa, orata, nasello, pesce spada, rana pescatrice, sgombro.

Alcuni esempi di tartellette dolci (a destra, con frutta oppure creme) e salate (a sinistra, con porri e groviera oppure con i legumi)
Alcuni esempi di tartellette dolci (a destra, con frutta oppure creme) e salate (a sinistra, con porri e groviera oppure con i legumi)

Il merluzzo per esempio, che si può trovare surgelato in ogni supermercato, è ricco di proteine, apporta omega 3 ed ha un’alta percentuale di vitamina A e D. Proprio grazie al fatto che è possibile reperirlo non soltanto fresco ma anche surgelato, le ricette che lo usano come ingrediente base sono molte, da un semplice filetto al forno con contorno di patate a quale preparazione più insolita come quello al pesto o in salsa di peperoni.

Per il post di oggi ho scelto, in questa ricca messe di preparazioni, un piatto che può essere servito sia come antipasto abbastanza ricercato e particolare, sia come secondo (aumentando in questo caso le dosi e usando per 4 commensali soltanto quelle indicate per 8 persone): le tartellette con merluzzo e porri. Un connubio di sapori intenso e particolare, al quale l’aggiunta del formaggio filante conferisce una cremosità tutt’altro che sgradita. Una ricetta perfetta – ad esempio – per conferire un tocco particolare all’imminente cenone di San Silvestro.

 

CAM00711-okRICETTA DELLE TARTELLETTE AI PORRI E MERLUZZO

Ingredienti per 8 persone: 250 gr di filetto di merluzzo già pulito – un porro (piccolo) – 2 uova – 100 ml di panna – 100 gr di formaggio fondente tipo Galbanino – 1 rotolo di pasta brisée in sfoglia (circa 250 gr) – 4 cucchiai di olio extravergine di oliva – sale e pepe – burro per gli stampini

Procedimento

Accendere il forno e portarlo ad una temperatura di 180 gradi. Iniziare quindi la preparazione vera e propria del piatto tagliando a dadini i filetti di pesce ed il formaggio.

Lavare e asciugare il porro, tagliarlo a rondelle ed infine sistemarlo in un tegame con l’olio d’oliva e un pochino di sale. Soffriggerlo a fiama viva per un paio di minuti, mescolando in continuazione. Toglierlo dal fuoco prima che prenda colore ed insaporirlo con un po’ di pepe (meglio se macinato al momento).

Versare in una terrina le uova (sbattute) e la panna; aggiungere sale e pepe e sbattere con una forchetta in modo da amalgamare completamente ma delicatamente gli ingredienti. Quando il composto risulta uniforme incorporarvi anche il porro, i dadini di pesce e quelli di formaggio, continuando a mescolare con cura.

Imburrare 8 piccoli stampi da tartelletta (con bordi alti e smerlati) che possano andare in forno. Foderarli con la pasta brisée e distribuirvi infine all’interno il composto di pesce, formaggio e porri. Infornare gli stampi nel forno caldo per circa 15 minuti. Servire le tartellette tiepide.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...