“La strega Rossella” di Julia Donaldson e Axel Scheffler – Presentazione

Man mano che il tempo passa e i miei figli crescono, mi accorgo che diventa un po’ più difficile per me recensire – o anche solo consigliare – libri destinati a bambini molto piccoli proprio perché non posso più averne un’esperienza diretta. Eppure ci sono titoli che non posso fare a meno di lodare perché noi ne conserviamo un ricordo splendido e spesso si tratta di volumi che fortunatamente sono ancora in commercio. E’ il caso, per esempio, di “La strega Rossella“, scritto da Julia Donaldson, illustrato da Axel Scheffler e pubblicato in Italia da varie case editrici in vari formati nel corso degli ultimi anni.

Carrellata di varie edizioni italiane, fra cui anche un libro sonoro

La storia è deliziosa nella sua linearità e ripetitività, perfetta per catturare (e mantenere) l’attenzione dei bimbi più piccini: la gentile strega Rossella scorrazza per i cieli sulla sua scopa volante in compagnia del proprio gatto, incontrando di volta in volta un nuovo animale che le chiede un passaggio sul suo originale mezzo di trasporto. Rossella è – chiaramente – di animo generoso perché non dice mai di no, anche se ad ogni nuovo ospite accolto segue un piccolo incidente e la sfortuna culmina nella rottura della scopa a causa del troppo peso.

Tutti quanti precipitano dunque rovinosamente a terra e anche se nessuno si ferisce nell’impatto Rossella ha una sgradita sorpresa in quanto sembra destinata a diventare la cena di un agguerrito ed affamato drago. Per sua fortuna anche gli amici che si è fatta durante il tragitto sono personaggi di buon cuore, oltre che coraggiosi e furbi abbastanza per sottrarre l’amica strega dalle grinfie del drago. E una volta riunito il gruppetto riuscirà con una magia a dar vita ad un nuovo, migliorato, manico di scopa pronto per farli volare verso nuove avventure.

Che dire, la storia come accennavo già in precedenza è semplice ma a mio parere comunque coinvolgente e ricca di spunti nel caso in cui la si voglia prendere come base di discussione. Ad esempio si può evidenziare come il rapporto fra Rossella e gli animali sia sempre paritario, anche se lei è una strega (e quindi in teoria più potente e “superiore” a dei banali cani o uccellini); infatti gli animali aiutano la protagonista a ritrovare gli oggetti che ha smarrito, mentre lei contraccambia accettando di ospitarli sulla sua scopa.

Un altro bel messaggio trasmesso dalla storia è il modo in cui tutti sembrano accettarsi a vicenda, facendosi posto su una scopa stretta perché nessuno cada giù, incuranti (alla pari di quanto sarebbe un bambino) di un’ovvietà come il fatto che l’uccellino potrebbe volare senza alcun bisogno di aggregarsi agli altri. Perché in fondo il punto non è come ci si sposta, ma il farlo insieme e soprattutto essere felici di stare in gruppo, come testimonia l’ultima gioiosa illustrazione che mostra gli amici sorridenti e spensierati.

Che siano immagini a tutta pagina o piccole sequenze, i disegni di Axel Scheffler sono sempre vivaci, dinamici, mai paurosi

Positiva è anche la considerazione che serva il contributo di tutti per uscire da una situazione difficile, sia essa compiere una magia o ritrovare gli oggetti perduti dalla protagonista. Ed anche per salvare Rossella dal drago è indispensabile l’aiuto di ciascuno: il mostro così terribile da mettere in fuga addirittura un drago è particolarmente minaccioso proprio perché ogni animale emette il suo verso e, infangato o coperto di alghe, si issa sulle spalle altrui per dare imponenza alla figura complessiva.

Ma quello che a mio parere è il grandissimo pregio di questo libro è il suo ritmo scorrevole ed orecchiabile, che lo rende perfetto per intrattenere piacevolmente anche i più piccoli. Le ripetizioni, che caratterizzano quasi tutte le storie della Donaldson, permettono ai bambini di sapere cosa aspettarsi dal proseguire della narrazione pur senza togliere loro completamente la sorpresa (il che è ottimo), ma la marcia in più rispetto ad altri titoli che vantano questa caratteristica è proprio la struttura rimata. Senza contare che la traduzione ha mantenuto in maniera davvero egregia questo aspetto, dando vita ad una versione italiana del racconto che è davvero musicale all’estremo.

Le illustrazioni, come ben sa chi conosce l’accoppiata Donaldson-Scheffler, sono quasi ipnotiche nel modo vivido e frizzante con cui portano in vita i personaggi della storia, accompagnandosi alla parte scritta fin nei minimi particolari. Il fiocco che chiude la treccia di Rossella, la sua bacchetta magica (con la classica punta a stella con cui la disegnerebbe un bimbo), l’orribile e spaventoso mostro finale: ogni tavola amplifica con i suoi colori accesi e i suoi dettagli la scena narrata dal testo.

La mia esperienza: “La strega Rossella” è, insieme a “Dov’è la mia mamma?“, il libro della Donaldson che i miei figli preferiscono in assoluto. Il padre ed io lo abbiamo letto dozzine di volte quando erano molto piccoli, spesso come favoletta della buonanotte, poi crescendo lo abbiamo mimato insieme a loro e al termine della prima elementare entrambi i bambini lo hanno letto autonomamente per fare pratica. Adesso non posso dire che cerchino ancora questo titolo perché ormai sono cresciuti, tuttavia non hanno nemmeno voluto portare il libro in montagna nella casa dove andiamo solo qualche settimana d’estate e così il volume è ancora sullo scaffale della loro stanza dei giochi – a disposizione nel caso una volta venisse voglia di rituffarsi sul manico di scopa della simpatica ma maldestra strega Rossella.

Età per cui lo suggerisco: lettura ad alta voce dai 2 anni – lettura autonoma dai 6 anni

Valutazione: acquisto assolutamente consigliato! 03-reading-a-book

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...