Suggerimenti lampo in cucina: la ricetta della pasta al cavolfiore e la ricetta della pasta con fave e pecorino

L’Italia, si sa, è la patria della pasta; praticamente impossibile trovare una dispensa in cui non sia conservato almeno un pacco di questo versatile alimento e quasi altrettanto raro incontrare una persona – uomo o donna che sia – incapace di cucinare un sugo di accompagnamento. Fosse anche un semplicissimo condimento a base di pomodoro oppure la famosa spaghettata aglio, olio e peperoncino, nel nostro Paese la pasta è quasi un’istituzione.

Finora sul blog io ho pubblicato soprattutto le ricette che amo di più, o quelle che preparo più frequentemente, eppure mi sono resa conto che in questo modo escludo tante preparazioni che pure sono gustose, spesso veloci, magari un po’ diverse dal solito. In fondo anche un piatto che magari ai bambini non piace tanto (come i sughi a base di verdure) può essere perfetto per altri palati.

Con questo spirito dunque ho scelto di unire nel post odierno due ricette di pasta un po’ atipiche: la prima basata sui cavolfiori (che personalmente mi piace comunque parecchio), la seconda sull’accoppiata fave-pecorino (che io apprezzo decisamente meno ma che piace molto, ad esempio, ad alcuni miei amici).

 

PASTA AL CAVOLFIORE

Dopo averlo lavato, dividere in cimette il cavolfiore (calcolate un peso di poco superiore a quello della pasta, quindi circa 400 gr per 4 persone) e farlo cuocere in abbondante acqua salata. Quando nella pentola sarà ripreso il bollore unirvi anche la pasta.

Prendere 4 acciughe sotto sale, spinarle, risciacquarle brevemente per eliminare il sale in eccesso, quindi spezzettarle e metterle in una padella antiaderente con un filo d’olio. Ridurle in poltiglia con una forchetta, mescolarvi 2 cucchiai di pangrattato e far imbiondire il tutto.

Scolare la pasta e le cimette di cavolfiore (che dovrebbero necessitare per cuocere degli stessi minuti) e far saltare in tutto in padella con il sugo di acciughe. Cospargere con abbondante prezzemolo tritato e servire ben caldo, spolverizzando a piacere di parmigiano grattugiato.

 

PASTA ALLE FAVE E PECORINO

Sgranare un chilo di fave fresche e nel frattempo mettere a bollire l’acqua per la pasta. Quando l’acqua bolle salarla, quindi gettarvi sia la pasta che le fave sgranate, cuocendo il tutto circa 10 minuti. La pasta deve comunque rimanere al dente.

Trascorso il tempo di cottura, scolare la pasta e le fave, quindi trasferire il tutto in una zuppiera (possibilmente intiepidita) e condire con circa 200 gr di pecorino non troppo stagionato da grattugiare al momento. Irrorare con olio d’oliva (se si giudica troppo forte il sapore sostituirlo con olio di semi), aggiungere una macinata di pepe, mescolare un’ultima volta e servire.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...