“Curioso come George” di H. A. Rey – Presentazione

Chi è genitore di bambini fra i due e i sette-otto anni probabilmente leggendo il titolo di questo post è caduto preda dello sconforto, rattristato che persino questo blog abbia subito l’invasione di quel tormentone che si contende con Peppa Pig il premio come cartone animato che la televisione trasmette a qualunque ora in qualunque giorno. E questa è stata più o meno la mia reazione quando in libreria ho visto un volume di ben 100 pagine dedicato alla scimmietta spericolata e combina-guai per eccellenza ed al suo amico meglio noto come “l’uomo col cappello giallo”.

Sfogliando il libro (più per curiosità che per altro, poiché già sapevo che difficilmente lo avrei acquistato) mi sono resa conto che in effetti nonostante il cartone animato sia decisamente recente in quanto risale al 2006, la storia su cui è basato ha origini parecchio più remote. Fu infatti già a partire dal 1941 che gli scrittori per l’infanzia Margret Rey e Hans August Rey pubblicarono una serie di titoli aventi per protagonista questo cucciolo di scimmia portato via dall’Africa per finire in uno zoo cittadino e vivere qui le sue mille avventure. L’edizione italiana curata nel 2016 dalla Mondadori per la collana Electa Kids ripropone in un unico volume le prime due avventure del piccolo George, ovvero “Curioso come George” e “George trova un lavoro“.

Prima di entrare maggiormente nel dettaglio con la presentazione del volume ci tengo ad osservare come questo libro sia davvero curato: il formato è grande, la copertina rigida, la carta di buona qualità. Anche dal punto di vista più propriamente legato al testo ed alle immagini siamo di fronte ad un prodotto ben realizzato, dove colpisce un senso di ariosità dato credo dal fatto che in una pagina non sono mai ammassate troppe righe scritte né troppe figure: che si tratti di una facciata occupata solo dal testo, solo dalle illustrazioni o con entrambe queste componenti, una buona porzione dello spazio è lasciata bianca, così che risaltino al meglio disegni e storia.

Una nota di merito va secondo me anche al bilanciamento ed al legame fra questi due aspetti, testuale ed illustrato, che si completano sempre con gran precisione: se il paragrafo riporta che Dopo un buon pasto e una boccata di pipa George si sentì molto stanco i disegni corrispondenti esemplificano proprio queste tre condizioni e momenti, George davanti ad una tavola riccamente imbandita, seduto in poltrona a fumare rilassato, quindi immerso nelle pieghe di un pigiama troppo grande per lui. E così accade in tutte le pagine, la corrispondenza fra testo ed illustrazioni è sempre tale da rendere immediato anche ai più piccoli il senso della scena descritta in ogni momento. E in questo senso va a completare molto efficacemente la narrazione che è essenziale, scarsamente descrittiva, basata su frasi brevi e dirette.

Esempio di pagine interne del volume

Che cosa non mi convince dunque di questo libro? Banalmente proprio il volume in sé. Nel senso che non trovo un motivo valido per acquistare proprio questo libro fra le tante pubblicazioni per l’infanzia che si possono trovare sul mercato. Se infatti i giovani lettori non conoscessero ancora questo personaggio, sinceramente non sceglierei fra le tante storie interessanti e con messaggi importanti proprio questa. Non che sia brutta, ma alla riflessione di fondo sul fatto che il genuino entusiasmo di George sia una qualità (anche se spesso lo porta a cacciarsi nei guai) si affiancano altri spunti che trovo assai meno positivi nell’ottica di proporli a dei bambini.

L’inizio stesso della prima avventura non mi pare molto educativo nel presentare Ted (l’uomo col cappello giallo) che imprigiona George nel suo insolito copricapo e approfitta di questo stratagemma per rapire la scimmietta e portarla con sé. Anche nel resto della storia si assiste spesso a comportamenti non proprio esemplari, in primo luogo da parte del protagonista che per la sua curiosità ed intraprendenza non fa altro che mettersi in pericolo (e non mi pare un messaggio completamente positivo, visto che l’irruenza va comunque un po’ frenata se non altro per la propria sicurezza) ma anche da parte di alcuni comprimari. Memorabile in questo senso – a mio parere non positivo – l’esclamazione di una signora sul fatto che George si sia meritato di rompersi una gamba perché le aveva trasformato l’appartamento in una giungla coprendo i mobili con panni che simulassero gli animali selvatici o le piante.

I libri dell’altra collana dedicata a George, i quali sono strutturati con una sola avventura per volume e riprendono fedelmente lo stile del cartone animato

Se invece un bambino già conosce George per averne visto il cartone animato allora temo che potrebbe rimanere deluso sia dal fatto che le storie presentate nel libro sono solo un sottoinsieme molto ridotto delle vicissitudini che accadono alla scimmietta nella serie televisiva, sia (soprattutto) dal fatto che lo stile dei disegni non è quello a cui il cartone li ha abituati. E per esperienza mi sento di dire che in certi aspetti i bimbi, specie i più piccoli, sono molto abitudinari … ho notato che la Mondadori ha pubblicato anche dei volumetti più piccoli, ciascuno contenente un’avventura soltanto, illustrati con il medesimo stile del cartone, ma in questo caso la mia opinione è la medesima già espressa per i libri – per esempio – di Peppa Pig: poiché già i bambini guardano a ripetizione le puntate in televisione, almeno coi libri si potrebbero introdurre loro storie e tematiche diverse!

La mia esperienza: non ho una vera esperienza di questo volume perché dopo averlo sfogliato in libreria ho scelto di non acquistarlo.

Età per cui lo suggerisco: lettura ad alta voce dai 3 anni – lettura autonoma dai 6 anni e mezzo

Valutazione: acquisto che non consiglio perché, come ho già detto, credo che ci siano in commercio molti libri per l’infanzia più interessanti di questo.Acquisto non consigliato

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...