Palme, fiori, stagni, bambù e felci: un’autentica immersione nella natura!

Considerato che dopo la visita fatta con la mia famiglia al Giardino botanico di Balata avevo scattato oltre trecento fotografie, mi è parso quasi scontato completare il post dedicato questa mattina al Jardin de Balata con alcune delle immagini più belle scattate al Giardino Botanico. E’ impossibile rendere in un solo articolo la varietà di scorci che si possono cogliere seguendo il percorso di visita, così come trasmettere appieno la sensazione – comune nei paesi tropicali – di vedere in pochi minuti il sole che viene sostituito da un violento rovescio di pioggia e viceversa. Tuttavia spero che questi scatti possano mostrare almeno in parte la straordinaria bellezza di uno dei più incantevoli giardini botanici che io abbia mai visitato.

Subito dopo la biglietteria si accede ad una tradizionale casa creola, arredata con mobili d’epoca e nella quale sono sistemati manichini abbigliati secondo lo stile tipico dei Caraibi e in particolare della Martinica:

 

Superato l’edificio si entra nei giardini veri e propri; questa la mappa che aiuta ad orizzontarsi lungo il percorso di visita. Ribadisco il mio consiglio di noleggiare l’audio-guida (fra le varie lingue selezionabili è possibile scegliere anche l’italiano) che è davvero ricca di informazioni ed aneddoti su ciò che si può ammirare nei giardini:

Una delle prime zone incontrate deviando a sinistra rispetto al viale principale è l’area delle bromiliacee. In effetti queste piante sono presenti in parecchie zone del giardino (a dispetto del fatto che non fu assolutamente facile portarle sull’isola e farle crescere, come spiegato dall’audio-guida) perché il loro colpo d’occhio è davvero di forte impatto:

Questo l’albero (come avevo detto nel post precedente, credo fosse pandano) caratterizzato da sottili radici aeree che lo rendono delicatissimo e molto instabile:

 

Alcuni scorci di piante acquatiche:

 

Questa la porzione di giardino giapponese:

 

Palme, palme e ancora palme; nel giardino botanico devono essercene centinaia (se non addirittura più di un migliaio) ma è impossibile annoiarsi alla loro vista perché sono di molte varietà diverse. Eccone alcune (come si può notare dal colore del cielo, la nostra visita ha visto un continuo alternarsi di sole e piovaschi):

 

Sono tutte palme, anche quando a prima vista non sembrerebbe!

 

Cambiamo un po’ adesso, ecco alcuni fiori:

 

Le passerelle della passeggiata “sospesa” viste dal basso (a sinistra) e una foto scattata osservando la flora circostante dall’alto (a destra):

 

E per chiudere il post, alcuni dettagli particolari che colpiscono durante la visita:

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...